Real-Time lego serious play
Venerdì, 14 Giugno, 2019

I mattoncini LEGO® sono utilizzati nelle aziende come strumento di Business. Perché?

I mattoncini Lego® hanno sempre avuto un ruolo importante per lo sviluppo cognitivo e creativo dei bambini e non solo. Questo tipo di gioco, di fatto, supporta l’approccio visivo-spaziale, lo sviluppo del pensiero laterale e creativo supportando, in modo attivo e coinvolgente, i processi di apprendimento.

Da qualche anno, i Lego® sono entrati nel mondo degli adulti attraverso il metodo LEGO® SERIOUS PLAY®. Un metodo di facilitazione orientato al sostegno dei processi legati al business: strategia e sviluppo del modello di business, team working, problem solving, negoziazione, comunicazione e integrazione, leadership; sono solo alcuni esempi applicativi.

Un approccio “speciale”, con il prof. Beltrami docente all’Università Bicocca di Milano, che sta trovando in Real-Time un significativo terreno fertile in grado di generare confronto, soluzioni e benessere aziendale. A questo percorso partecipano i consulenti di Real-Time con l’obiettivo di attivare le soft skill personali attraverso il “gioco collaborativo e cooperativo” e allo scopo di generare soluzioni innovative, condivise e creative.

“Il metodo si configura come l’ideale sintesi tra i due approcci cardine al processo di apprendimento e sviluppo della conoscenza:
- il ciclo di apprendimento di Kolb: esperienza, riflessione, astrazione e messa in pratica
- il ciclo di problem solving: identificazione del problema, definizione delle soluzioni alternative, scelta dell’alternativa migliore, implementazione della soluzione scelta e verifica della sua efficacia” 
spiega il prof. Beltrami, facilitatore certificato Metodo LEGO® SERIOUS PLAY®. 

 

Che cosa ne pensano in Real-Time i partecipanti coinvolti in questo particolare approccio formativo?

Roberto Marini (cofondatore Real-Time): "Straordinario. L’approccio ludico ha immediatamente coinvolto il gruppo in modo spontaneo, infranto le barriere della comunicazione e agevolato una dialettica efficace che in poche ore ha stimolato idee, spunti e proposte mai emerse con i tradizionali corsi".

Franco Asperti (cofondatore Real-Time): "L’uso delle mani e il pretesto del gioco, permettono di superare gli ostacoli e rompono gli schemi della comunicazione ordinaria producendo idee e considerazioni inaspettate che difficilmente emergerebbero in un “normale” confronto verbale".

Raffaella Nogara (consulente gestionale a supporto delle aziende): "Abbiamo dovuto esporci e comunicare attraverso i Lego non solo come vediamo e affrontiamo i progetti e il lavoro, ma anche qual è la percezione che abbiamo di noi stessi e come ci poniamo verso gli altri. Il risultato è stato sorprendente, per persone come noi che comunicano abitualmente “solo” per lavoro. Quindi, se dovessi riassumere in tre aggettivi: coinvolgente, sorprendente e anche emozionante".​

Diego Carrara (consulente gestionale e Qlik developer): "Fuori dagli schemi. Si è affrontato in modo ludico temi difficili da affrontare. Usare le mani per costruire schemi non “fisici” ha permesso di far emergere idee molto interessanti".

 

Nel nostro processo di crescita, persone e competenze sono un asset inestimabile. Nel 2020 Real-Time festeggerà 35 anni di importanti obiettivi raggiunti e possiamo confermare che la formazione strategica e di valore continuerà ad avere un ruolo dominante per noi, con l’intento di costruire e rafforzare competenze professionali e capacità relazionali “mattoncino su mattoncino”.

Condividi:

CONTATTO

Scrivici per parlare
del tuo progetto